PALO SANTO O SALVIA BIANCA?

smudge di rosmarino, salvia officinale, alloro…Europa

…e perchè non alloro, rosmarino, ginepro?

Spesso al banco dove è esposta una ricca varietà di resine, erbe e incensi le persone sono curiose di conoscere l’antica arte della Fumigazione. I colori, l’aspetto e i forti aromi che si sprigionano attraverso il fumo, richiamano forze ed energie ancestrali che suscitano interesse e magnetica curiosità.

Il Fuoco e le sostanze vegetali aromatiche appartengono a tutti; in ogni paese del mondo da che l’uomo è venuto a vita, si è acceso il fuoco e si sono bruciate erbe, radici, foglie, fiori, resine i cui profumi rappresentano un linguaggio che attraverso la spirale del fumo ad opera della forza trasformatrice del fuoco, raggiungono il Cielo.

La parola profumo deriva dal latino “per-fumum” (attraverso il fumo), e la fumigazione aromatica ha, fin dall’origine, rappresentato un rito sacro, praticato inizialmente solo da donne e uomini di medicina e sacerdoti e successivamente è diventata una pratica salutare ad opera di tutti: l’effetto antisettico e purificatore a livello ambientale acquista una valenza di carattere igienico, basti pensare ai grandi roghi di erbe aromatiche quali ginepro, rosmarino, alloro, salvia della nostra tradizione durante le grandi pestilenze.

Grazie ai commerci, via terra prima e via mare poi, spezie, legni, incensi, mirra e altre resine hanno raggiunto paesi lontani da dove crescevano, cosicchè si ampliavano le varietà botaniche ad uso fumigatorio; ovviamente l’utilizzo coinvolgeva anche il campo cosmetico e medicinale.

Ma prima che questi commerci avessero inizio come si faceva?

Semplicemente con ciò che Madre Natura, così generos,a offre a tutti i suoi figli ovunque siano. E’ l’azione e l’intenzione dell’uomo che crea la magia!!! ‘ L’uomo con il suo ascolto e il suo sentire, in allineamento con il Cuore interpreta il messaggio della pianta e lo affida al Fuoco trasformatore. Quindi prima di comprare un legnetto di palo santo o uno smudge di salvia bianca, originari delle tradizioni americane, possiamo considerare di attingere anche alle nostre piante aromatiche e alle resine delle nostre conifere, perchè la Pachamama è giusta e ogni uomo è libero di “sentire”.

La conoscenza della molteplicità e varietà di sostanze botaniche è oggi assolutamente alla portata di tutti, agevolmente, per cui possiamo “ascoltare” il linguaggio di tante piante provenienti da tutto il mondo e da tante tradizioni…e questa è un enorme ricchezza e opportunità di crescita, per cui possiamo scegliere con consapevolezza ciò che risuona con il nostro essere secondo la necessità del momento.

smudge di salvia bianca, Centro America

Le varie tradizioni antiche hanno convissuto e utilizzato le sostanze botaniche che erano locali, che crescevano con loro, condividevano lo stesso territorio ed erano così in armonia. Oggi le informazioni sono anche veicolate “fisicamente” in etere per cui “tutti possono conoscere e avere tutto” prontamente, solo perchè hanno sentito dire, letto o è stato detto loro di utilizzare questo o quello….

Quindi… ciò che mi sento dal profondo di dire è che occorre mettersi in ascolto e scegliere autonomamente, per accrescere la consapevolezza e mettersi in comunicazione con ciò che ci circonda in natura, con esseri vivi, vibranti, vitali, quali sono gli esseri del mondo vegetale e gli aromi. Riconoscere e onorare le diverse tradizioni della fumigazione significa restare aperti e presenti in modo consapevole attivo e non seguire passivamente ciò che tanti “sapienti” dicono di utilizzare in esclusiva.

Bursera graveolens, ovvero uno degli alberi chiamati Palo Santo, sud America

Attualmente, spesso, al banco giungono persone che ricevono come messaggio che solo Salvia bianca e/o Palo Santo, due sostanze della antica tradizione del centro e sud America, possono essere impiegate per “purificare, benedire, celebrare, guarire…”. Tutti hanno il legnetto in borsa e affidano a esso ogni miracolo…

…ma anche rosmarino, salvia officinale e ginepro, incenso, mirra, pino, cedro, e l’elenco può essere infinito, possono fare il miracolo…Ma occorre che la purificazione, la benedizione, la guarigione, la celebrazione inizia e coinvolga chi li usa, da dentro, in amore e fiducia…è questa la chiave, la libertà, la salvezza, la soluzione.

E’ uno spunto di riflessione, semplicemente…che affido a ognuno di voi.

Ringraziamo sempre Madre Natura e la Saggezza, la Luce e l’Amore che guida la crescita e l’evoluzione di tutti noi, per noi e per tutti.

Grazie…Namastè…Gassho…